Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Rivoluzione verde a Bari: il nuovo piano Costa Sud tra sostenibilità e innovazione urbana

Il piano, approvato quest'oggi in Consiglio Comunale, prevede la creazione di sei nuovi parchi costieri e promette di ridurre significativamente l'impatto edilizio sulla zona

In un contesto urbano che si evolve rapidamente, la città di Bari si appresta a vivere una trasformazione radicale grazie all’approvazione del Piano Costa Sud, un progetto ambizioso che mira a riqualificare estesamente l’area costiera sud della città, coinvolgendo i quartieri di Japigia, Sant’Anna e San Giorgio. Con un investimento complessivo di 75 milioni di euro provenienti dai fondi del Pnrr, questo piano, approvato quest’oggi in sede di Consiglio Comunale (con 25 voti favorevoli e 4 astensioni del centrodestra), prevede la creazione di sei nuovi parchi costieri e promette di ridurre significativamente l’impatto edilizio sulla zona, favorendo al contempo una maggiore armonia tra spazio urbano e ambiente naturale.

La visione del sindaco Antonio Decaro e della sua amministrazione si rivela essere uno sforzo collettivo per anticipare le future direttive del Piano Urbanistico Generale, ponendo le basi per un rinnovamento urbanistico che tenga conto delle esigenze ambientali, sociali ed economiche. Questo progetto non solo intende ridisegnare l’immagine di Bari nel contesto mediterraneo, ma aspira anche a rispondere con intelligenza alle sfide dell’innovazione culturale ed economica, facendo della sostenibilità un pilastro centrale del futuro sviluppo urbano.

Uno degli aspetti più rivoluzionari del Piano Costa Sud è la sua capacità di ridurre il consumo di suolo del 62,80%, convertendo un’area precedentemente destinata all’edificazione in uno spazio verde pubblico che si estenderà per 216 ettari. Questo radicale cambiamento non solo migliorerà la qualità della vita degli abitanti locali, offrendo nuovi spazi per il tempo libero e il contatto con la natura, ma contribuirà anche a mitigare gli effetti del cambiamento climatico attraverso l’implementazione di 3885 nuovi alberi, 58 ettari di orticoltura urbana, e la riqualificazione di aree naturali preziose come le dune e la macchia mediterranea.

Il progetto non si limita a una mera riqualificazione paesaggistica; esso prevede infatti la creazione di 26 km di percorsi ciclo-pedonali che collegheranno i nuovi spazi verdi, promuovendo stili di vita più sani e sostenibili. Inoltre, i parchi costieri previsti, tra cui Torre Quetta, Bellavista, e Pane e Pomodoro-Punta Perotti, diventeranno luoghi di incontro, svago e cultura, arricchendo l’offerta ricreativa della città.

La ricollocazione e la riduzione delle volumetrie edificatorie previste dal piano evidenziano un approccio innovativo alla gestione dello sviluppo urbano. Questa strategia non solo preserva gli spazi aperti ma offre anche ai costruttori l’opportunità di investire in aree già urbanizzate, garantendo che lo sviluppo futuro sia sia sostenibile che integrato nel contesto urbano esistente.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nicola Colaianni non sarà il candidato sindaco per il centrosinistra alle elezioni comunali di giugno 2024...
Attualmente, il bambino di appena 10 mesi è sotto stretto monitoraggio clinico e rimarrà in...

Altre notizie

Bari Tomorrow