Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Scoperta di un’officina abusiva: sequestro e sanzioni a Palo del Colle

Sequestrato un notevole quantitativo di attrezzature e pezzi di ricambio indispensabili per le riparazioni automobilistiche.

In una recente operazione a Palo del Colle, nel Barese, la Guardia di Finanza ha messo a segno un importante intervento contro le attività illegali nel settore della riparazione auto. L’operazione, condotta dalla Tenenza di Bitonto, ha portato alla luce una realtà preoccupante: un’autocarrozzeria operante senza le necessarie autorizzazioni, impegnata in attività illecite che hanno attirato l’attenzione delle autorità.

Durante l’intervento delle Fiamme Gialle, è stato sequestrato un notevole quantitativo di attrezzature e pezzi di ricambio indispensabili per le riparazioni automobilistiche. Tra il materiale sequestrato figurano cavalletti, un compressore con accessori per la verniciatura, crick mobili, banchi da lavoro equipaggiati di strumentazione e utensili, un carrello attrezzi, un forno per asciugatura, gruette sollevatrici e numerose latte di vernice. Queste attrezzature erano utilizzate nell’esercizio dell’attività illecita, evidenziando un caso flagrante di mancato rispetto delle normative vigenti.

Il titolare dell’officina è stato segnalato alla Camera di Commercio per non aver mostrato alcuna autorizzazione all’esercizio dell’attività e per non essere iscritto nel Registro delle Imprese, come previsto dalla Legge n. 122/1992, che regola l’attività di autoriparazione. Questa omissione ha portato all’applicazione di sanzioni pecuniarie e al sequestro amministrativo delle attrezzature trovate in loco.

Ulteriori sanzioni sono state inflitte per violazioni relative alla gestione del lavoro, in particolare per l’impiego di manodopera non dichiarata, e alla normativa ambientale, per non aver istituito il registro di carico e scarico dei rifiuti speciali. Un aspetto ancor più allarmante è emerso in relazione alla posizione fiscale del titolare dell’officina, risultato ignoto al Fisco per non aver presentato dichiarazioni fiscali, configurandosi così come un “evasore totale”. Questa situazione ha comportato l’esecuzione di accertamenti fiscali, i cui risultati sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate per le dovute verifiche.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un blitz dei carabinieri intercetta droga e denaro durante controllo di routine...
Gli individui fermati sono accusati di estorsione continuata aggravata, lesioni personali in concorso e detenzione...

Altre notizie

Bari Tomorrow