Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Avanzamenti nel progetto ferroviario “Nodo di Bari”

Questo sviluppo infrastrutturale prevede anche la costruzione della nuova stazione Santo Spirito – Palese in località Enziteto, che sostituirà le preesistenti stazioni di Bari Santo Spirito e Bari Palese Macchie

Il Commissario Straordinario di Governo, Roberto Pagone, ha compiuto un passo significativo per il futuro della mobilità nella regione di Bari, firmando l’Ordinanza n. 8. Questo atto autorizza l’avanzamento verso l’approvazione del progetto definitivo per l’intervento “Nodo di Bari: Bari Nord (Variante Santo Spirito – Palese)”, segnando una tappa cruciale dopo l’approvazione del Progetto Preliminare. Il processo di approvazione, che ha beneficiato dell’istruttoria conclusiva della Conferenza dei Servizi organizzata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, entra ora nella fase finale, prevedendo un periodo di circa 4 mesi per l’ottenimento di tutti i pareri necessari e le autorizzazioni per l’inizio dei lavori.

Il progetto si propone di modificare l’attuale rete ferroviaria con la creazione di una nuova linea a doppio binario lunga circa 11 km, la quale correrà per la maggior parte del suo percorso sotto il livello del terreno, intersecando l’area tra l’aeroporto internazionale di Bari e il comune di Giovinazzo. Questo sviluppo infrastrutturale prevede anche la costruzione della nuova stazione Santo Spirito – Palese in località Enziteto, che sostituirà le preesistenti stazioni di Bari Santo Spirito e Bari Palese Macchie, e valuta la fattibilità di una seconda fermata per servire direttamente l’aeroporto.

Tra gli obiettivi principali dell’intervento, si annoverano la diminuzione delle interferenze tra il tracciato ferroviario e l’ambiente urbano circostante, migliorando così la qualità della vita attraverso la riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico. Il progetto ambisce inoltre a offrire un servizio di trasporto pubblico più efficiente, caratterizzato da alta frequenza e minori tempi di viaggio, oltre a promuovere il recupero e la valorizzazione delle aree ferroviarie dismesse.

Con un investimento complessivo stimato in circa 970 milioni di euro, il “Nodo di Bari” si presenta come un progetto di vasta portata con l’obiettivo di rivoluzionare il sistema di trasporto pubblico della regione, contribuendo al contempo alla creazione di una rete di mobilità più sostenibile e integrata.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nicola Colaianni non sarà il candidato sindaco per il centrosinistra alle elezioni comunali di giugno 2024...
Attualmente, il bambino di appena 10 mesi è sotto stretto monitoraggio clinico e rimarrà in...

Altre notizie

Bari Tomorrow