Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Intrecci a Bari: la richiesta di aiuto delle vigilesse al Clan Parisi

Nuovi episodi emergono dall'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda)

Un episodio inquietante emerge dall’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Bari, rivelando i complessi legami tra alcuni membri delle forze dell’ordine e il mondo della criminalità organizzata. Due vigilesse della polizia locale di Bari, in seguito a un episodio di offese subite da parte di un automobilista che aveva ignorato un semaforo rosso, hanno deciso di rivolgersi non alle vie legali, ma direttamente a un esponente noto del clan Parisi, segno di una preoccupante sovrapposizione tra autorità e potere criminale.

Fabio Fiore, ex autista del boss Savinuccio Parisi e considerato uno dei fedelissimi del clan attivo nel quartiere di Japigia, è stato il destinatario delle richieste di intervento da parte delle due agenti. Questa azione, piuttosto che segnalare l’accaduto all’autorità giudiziaria per le vie ordinarie, sottolinea una sorta di “riverenza” nei confronti del potere mafioso, una scelta che solleva numerosi interrogativi sul senso di giustizia e sulla fiducia nelle istituzioni.

Le indagini hanno evidenziato come le due vigilesse abbiano contattato Fiore in almeno cinque occasioni, affidandogli il compito di gestire la situazione in modi che esulano dalle procedure legali standard. L’automobilista, bersaglio delle loro rimostranze, ha subito il furto del proprio veicolo, ritrovato poi nello stesso giorno della denuncia.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un blitz dei carabinieri intercetta droga e denaro durante controllo di routine...
Venerdì è andata in scena un'intensa operazione di controllo, condotta da agenti della Polizia stradale...

Altre notizie

Bari Tomorrow