Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Elezioni comunali a Bari: appello all’unità nel Centrosinistra

Un gruppo di partiti e movimenti, rappresentati da Michele Boccardi (Con), Alfonso Pisicchio (Senso Civico), Gianni Stea (Popolari) e Lucio Smaldone (Sud al Centro), ha sollevato una richiesta formale per un incontro decisivo

In un contesto politico caratterizzato dalla necessità di coesione e decisione, emerge la situazione del centrosinistra a Bari, dove la scelta del nuovo candidato sindaco si trova al centro di un appello urgente. Un gruppo di partiti e movimenti, rappresentati da Michele Boccardi (Con), Alfonso Pisicchio (Senso Civico), Gianni Stea (Popolari) e Lucio Smaldone (Sud al Centro), ha sollevato una richiesta formale per un incontro decisivo. L’obiettivo è quello di far sedere attorno a un tavolo figure chiave del panorama politico italiano – tra cui Antonio Decaro, Michele Emiliano, Nichi Vendola, Giuseppe Conte, Elly Schlein, Nicola Fratoianni, Angelo Bonelli ed Enzo Maraio – al fine di mediare tra i due candidati principali del centrosinistra per le Comunali di Bari: Michele Laforgia e Vito Leccese.

La divisione attuale tra i sostenitori di Laforgia, appoggiato dal M5s e da altri partiti e movimenti di sinistra, e quelli di Leccese, selezionato dal Pd, rappresenta un punto di stallo per la coalizione. La proposta avanzata mira a superare tale impasse, suggerendo che, in assenza di un accordo, l’adozione di primarie controllate e trasparenti potrebbe rappresentare la soluzione giusta per permettere ai sostenitori di scegliere chi guidi la città di Bari verso la vittoria alle urne l’8 e 9 giugno. L’intento è chiaro: assicurare la continuità dell’amministrazione attuale, riconosciuta per aver portato avanti un buon governo per due decenni, ampiamente apprezzato dai cittadini baresi.

La necessità di questa mediazione nasce dal fallimento del tavolo politico di venerdì scorso, il quale non è riuscito a trovare una sintesi tra le due candidature. La coalizione si trova paralizzata non solo dalla mancanza di volontà di unire le forze intorno a un unico candidato ma anche dal veto del M5S sull’uso delle primarie come metodo di selezione. Questa situazione di stallo rivela, secondo i movimenti coinvolti, una rigidezza e un egoismo di partito che minacciano la continuità del buon governo della città.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Difensore di Luciano Canfora, Michele Laforgia esprime disappunto per essere stato rimosso visivamente in un'immagine...
Critiche dalla Uil Scuola Puglia per l'insufficiente assegnazione del personale ATA alle scuole della regione...

Altre notizie

Bari Tomorrow