Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Bari, agente ammette pestaggio in carcere

L'agente ha descritto una situazione di caos e paura all'interno del carcere durante l'incendio

Durante il processo relativo agli eventi del 27 aprile 2022 nel carcere di Bari, un assistente della polizia penitenziaria, Raffaele Finestrone, ha ammesso di aver aggredito un detenuto. La vittima, un uomo di 43 anni con disturbi psichiatrici, è stata al centro di un episodio di violenza che ha scatenato polemiche e indagini.

Finestrone ha giustificato il suo comportamento affermando di aver agito in un momento di paura e confusione, temendo una possibile evasione di massa durante un incendio in carcere. Questa confessione è avvenuta in concomitanza con la conclusione della fase istruttoria del processo. La prossima tappa, la fase requisitoria, inizierà il 20 dicembre.

L’agente ha descritto una situazione di caos e paura all’interno del carcere durante l’incendio, esprimendo la sua preoccupazione per una potenziale evasione di massa dei detenuti. Questa testimonianza fornisce uno spaccato della tensione e dell’insicurezza vissute dagli addetti alla sicurezza nelle istituzioni carcerarie.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'amministratore giudiziario, incaricato di supervisionare e indirizzare l'attività dell'azienda, affiancherà il consiglio di amministrazione...
Gli agenti hanno individuato e sequestrato un furgone su Strada San Giorgio Martire, sorprendendolo mentre...
Bari Tomorrow