Bari Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Fallimento AS Bari del 2014: proscioglimenti e rinvii nel processo

Salvatore Matarrese e Domenico De Bartolomeo erano accusati di bancarotta fraudolenta

In un significativo processo legato al fallimento dell’AS Bari nel 2014, il Tribunale di Bari ha recentemente emesso alcune decisioni cruciali. L’ex parlamentare Salvatore Matarrese, 61 anni, e l’imprenditore Domenico De Bartolomeo sono stati prosciolti con la formula “per non aver commesso il fatto”. Questo esito segna una svolta notevole nelle indagini, che hanno coinvolto diverse figure di spicco nella gestione del club.

Salvatore Matarrese e Domenico De Bartolomeo, entrambi con passati significativi nel consiglio di amministrazione dell’AS Bari, erano accusati di bancarotta fraudolenta. Matarrese ha servito nel consiglio dal 2002 al 2011, mentre De Bartolomeo dal 2008 al 2011. Entrambi hanno optato per un processo con rito abbreviato e, a marzo, la Procura di Bari aveva suggerito la loro assoluzione.

Il caso si estende oltre questi due individui. Antonio Matarrese, ex vicepresidente vicario del cda dell’AS Bari dal luglio 2010 al giugno 2011, nonché ex parlamentare e figura di rilievo in entità come la Lega Calcio, FIFA e UEFA, è stato prosciolto dall’accusa di bancarotta fraudolenta, ma rinviato a giudizio per un altro capo di imputazione. Allo stesso modo, altre personalità come l’ex amministratore unico Claudio Garzelli, il suo successore Francesco Vinella e l’ex amministratore delegato Salvatore Matarrese (cugino e omonimo dell’ex parlamentare) sono stati parzialmente prosciolti dalle accuse.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Bari Tomorrow